Birra Fatta in Casa i Metodi Semplici per Realizzarla

Quanto gusto c’è a fare le cose da soli, specie in cucina? Probabilmente saprete già che sarà piú conveniente andare a comprare una cassa di bottiglie al supermercato piuttosto che farla in casa, ma volete mettere la soddifazione, e poi anche il gusto. Se state cercando di capire come è la birra fatta in casa, come si può produrre, questo articolo è dedicato a voi. Non è difficile, basta poco, comprare gli ingredienti giusti e metterci tanta passione.

Di seguito daremo uno sguardo approfondito alle procedure per produrre birra a casa. Spiegheremo i diversi tipi di birra, analizzeremo le cose che ti serviranno per preparare la tua birra e ti accompagneranno in un viaggio graduale dal luppolo alla bottiglia.

Ecco una sintesi su come preparare la tua birra:

  1. Far bollire 5 litri d’acqua 
  2. Aggiungere i grani speciali per la birra e lasciali in ammollo per 30 minuti tra 70 e 80 ° C.
  3. Aggiungere l’estratto di malto e il luppolo alla soluzione e portarlo a ebollizione per 90 minuti.
  4. Raffreddare la miscela con un refrigeratore .
  5. Trasferire il mosto raffreddato al fermentatore.
  6. Attiva e pesta il lievito. Fermentalo a 20 ° C.
  7. Attendere 1-2 settimane poiché il lievito fermenti gli zuccheri per rilai CO2 e alcol etilico.
  8. Dopo il processo di fermentazione principale, aggiungi zucchero per la carbonatazione (priming).
  9. Imbottiglia la tua birra.

Sembra facile, giusto? Una volta che hai svolto tutti questi passaggi correttamente, saprai come preparare una birra fatta in casa.

Se vuoi essere bravo a fare birra, devi capire i fondamenti di ciò che ci vuole per fare una birra buona.

produrre-birra-in-casa

Quali ingredienti ci sono nella birra?

Di cosa è fatta la birra? Questa è una delle domande più frequenti che gli aspiranti birrai casalinghi si pongono e fortunatamente è quella che richiede una risposta semplice.

Ci sono 4 ingredienti principali nella birra : luppolo, cereali o estratto di malto (a seconda del metodo che stai usando), lievito e acqua. Il ruolo dei diversi ingredienti è:

  • Acqua – Senza acqua sarebbe impossibile realizzarla. Poiché oltre il 95% del tuo prodotto finale sarà acqua, la qualità che utilizzerai avrà un grande impatto sul prodotto finale. Quindi tienilo a mente se vuoi usare quella del rubinetto o imbottigliata in plastica.
  • Lievito : il lievito è ciò che trasforma l’impasto in birra. Il lievito è un organismo a cellula singola che mangia lo zucchero e lo converte in alcol e CO2. Questo processo è chiamato “fermentazione“.
  • Cereali – il malto d’orzo è probabilmente il tipo di grano più utilizzato nella birra, anche se ci sono molte birre che usano altri frumenti come mais e persino sorgo o riso. Se stai utilizzando il metodo “All Grain”, acquisterai i grani di malto e non il barattolo di estratto di malto concentrato.
  • Luppolo – è quella cosa che da’ alla tua birra fai-da-te il sapore e l’ aroma. Lavora anche per contrastare la dolcezza lasciata dal processo di fermentazione e agisce come un inibitore batterico. Ci sono molti tipi di luppolo e quelli diversi producono sapori diversi.

Diversi tipi di birre

le birre si differenziano dal tipo di lievito usato per prepararle.

  • Le lager sono fatte con lievito che fermenta sul fondo della miscela,
  • Le ale sono fatte con lievito che fermenta nella parte superiore
  • Wild and Sour Ales sono prodotte con lieviti spontaneamente fermentanti che conferiscono loro le loro qualità distintive

Quindi, anche se produci birre che appartengono a uno stile simile, le qualità potrebbero essere quasi uguali, ma il gusto, l’aroma e la consistenza varieranno, così come il tasso alcolico.

che procedura scegliere per fare la birra

Prima di imparare a fare la birra in casa, devi decidere quale tipo vuoi produrre. Essenzialmente ci sono due tipi di birre che si possono fare in casa : “all grain” oppure usando “l’estratto di malto”.

All grain

Tutta la produzione di cereali comporta l’estrazione di zuccheri dal grano. Questo processo è necessario per convertire gli amidi nel grano in zuccheri fermentabili.

La purea di cereali non è come il purè di patate, quindi non andare a cercare lo schiacciapatate  Invece, la purea in questo caso significa “immergere il grano in acqua fredda per rilasciare gli amidi e consentire agli enzimi all’interno del grano di scomporre gli zuccheri fermentabili di cui sopra“.

Una volta che questo processo è completo, gli zuccheri risultanti vengono poi risciacquati dai grani attraverso un altro processo chiamato “sparging“. Una volta che gli zuccheri fermentabili sono stati estratti dal grano, il resto del processo è lo stesso di quello dell’estrazione, vedi sotto.

Fare la birra con gli estratti di malto

Con questo metodo, è possibile saltare il primo passaggio . Basta comprare l’ estratto di malto liquido o secco che, insieme ad altre cose di cui avrete bisogno, comprende un kit che da’ il via all’intero processo di produzione.

Mentre non c’è dubbio che la birra prodotta con il malto ti costerà di piu’ molte persone scelgono questo metodo a causa del tempo e dello sforzo minore richiesto.

La procedura per la birra fatta in casa

Nessuno oggi produce senza l’attrezzatura giusta, quindi ecco un elenco degli elementi essenziali di cui hai bisogno per creare il tuo birrificio.

 

  • Fermentatore – Durante la fase di fermentazione la tua birra è “mosto” e avrai bisogno di un FERMENTATORE per contenere il mosto DURANTE il processo di fermentazione.
  • Brew Kettle – L’intero metodo di ebollizione avviene nel bollitore. Per un principiante assoluto che produce una quantità limitata di birra fatta in casa, un bollitore da 1,5 litri può essere sufficiente. Anche se non c’è nulla di male nel trovarne uno più grande, così sarai pronto quando arriverà il momento di aumentare un po ‘la produzione. GUARDA QUESTI MODELLI.
  • Bruciatore : se hai intenzione di fare la birra, avrai bisogno di una fonte di calore abbastanza forte per portare in ebollizione parecchi litri di acqua. Per piccoli litri vanno bene anche le classiche pentole da cucina.
  • Sifone con tubi – Sifonare il mosto o il prodotto finito da un contenitore all’ altro è la strada da seguire. Prova a trovare un sifone automatico che creerà il vuoto necessario
  • Idrometro : si utilizza un idrometro per misurare la densità dello zucchero del mosto. Una volta che sai come preparare la birra, puoi cavartela senza un idrometro, ma probabilmente finirai per usarne uno in ogni caso per un controllo più preciso del processo di fermentazione.
  • Termometro : costano poco e questa apparecchiatura aiuta a tenerne uno a portata di mano per monitorare la temperatura dell’acqua durante la fase iniziale del processo di produzione.
  • Refrigeratore – Gli esperti dicono che un refrigeratore è la migliore attrezzatura da utilizzare quando si raffredda il mosto. GUARDA QUESTI MODELLI.
Leggi Anche  Raffrescatore Evaporativo I modelli Migliori

 

11,99€
disponibile
1 nuovo da 11,99€
al Agosto 12, 2019 9:58 pm
Amazon.it
Spedizione gratuita
64,30€
disponibile
5 nuovo da 64,30€
al Agosto 12, 2019 9:58 pm
Amazon.it
75,00€
disponibile
1 nuovo da 75,00€
al Agosto 12, 2019 9:58 pm
Amazon.it
159,99€
disponibile
1 nuovo da 159,99€
1 usato da 126,99€
al Agosto 12, 2019 9:58 pm
Amazon.it
349,99€
599,98
disponibile
1 nuovo da 349,99€
al Agosto 12, 2019 9:58 pm
Amazon.it
Spedizione gratuita

Spesso ci viene chiesto, “Quanto ci vuole per produrre birra fatta in casa?“. Il fatto è che ci sono così tante variabili coinvolte che non è possibile dare una risposta definitiva che sarà accurata per tutti.

Detto questo, se si dispone di tutta l’attrezzatura necessaria (tra cui un refrigeratore di mosto che è un non essenziale ma sicuro è un risparmio di tempo a portata di mano), possono essere necessarie circa 3 ore per preparare a casa.

Ora che è stato risolto, passiamo al processo di produzione. Ricorda che stiamo usando il metodo di estrazione e questo presuppone che tu abbia acquistato un kit di FERMENTAZIONE BIRRA.

Passaggio 1

La prima cosa che devi fare è portare l’acqua nel tuo bollitore di birra a circa 80 gradi .


Passaggio 2

Riempi una borsa di mussola con i grani del tuo kit. Legare la parte superiore e riporla come una bustina di tè nell’acqua calda per circa mezz’ora, mescolando di tanto in tanto.

Quindi rimuovilo e risciacqua con acqua calda e pulita sopra il bollitore per estrarre i pezzi finali di sapore per la tua birra fai-da-te.


Passaggio 3. Aggiungere l’estratto di malto

Successivamente, aggiungiamo l’estratto di malto.

Questo sarà pre-porzionato e avrà la consistenza di melassa.


Passaggio 4. Portare il bollitore a ebollizione

Il tuo mix di acqua / estratto di malto è ora ufficialmente “mosto” o birra artigianale non fermentata.

Accendi il fornello ora e porta a ebollizione il tuo mosto. Fai bollire lentamente.


Passaggio 5. Aggiungi il luppolo

Prendi il tuo luppolo e mettili in una borsa di mussola e sospendi il sacchetto nel mosto bollente per circa 90 minuti.

Lo scopo del luppolo è contrastare la dolcezza del malto.

Perché 90 minuti? Bollire il luppolo per questo lungo tempo eliminerà efficacemente circa l’80% del contenuto di DMS (Dimethyl Sulfide). Il DMS è un composto di zolfo che è un sottoprodotto del processo di fermentazione. L’odore di mais cotto o cremoso indica la presenza di DMS nella vostra miscela.

È anche importante tenere il coperchio fuori dalla pentola mentre si fa bollire il luppolo.

Coprire il bricco impedisce al DMS di fuoriuscire e finirà semplicemente nella tua birra.


Passaggio 6. Raffreddare il mosto

Dopo circa 90 minuti di ebollizione è ora di spegnere il bruciatore e lasciare raffreddare il mosto. Puoi lasciarlo raffreddare da solo (ciò probabilmente impiegherà un paio d’ore) o puoi usare un refrigeratore di mosto.

Abbiamo scoperto che l’uso di un refrigeratore di mosto è di gran lunga il modo più efficace per raffreddare il mosto.  anche importante raffreddare il mosto il più rapidamente possibile per rimuovere efficacemente il DMS. Il mosto continuerà a produrre DMS anche quando si raffredda, quindi è fondamentale portarlo alla giusta temperatura. Inoltre, non è possibile eliminare tutti i DMS prodotti durante il raffreddamento del mosto. Mantenendo il tuo mosto si ottiene un aumento del 30% dei livelli DMS all’ora, quindi abbassa rapidamente le temperature!

 

Passaggio 7. Trasferire il mosto

Il prossimo passo è il trasferimento del mosto raffreddato al fermentatore. Il tuo fermentatore dovrebbe essere sempre leggermente più grande della quantità di mosto .

Ciò conferisce alla birra un ampio spazio di fermentazione e schiuma senza creare tanta pressione interna. Usa il sifone per il passaggio del mosto.


Passaggio 8. Determina il peso

A questo punto, vorrai misurare la gravità specifica del tuo mosto. Questa è essenzialmente la densità del mosto in relazione all’acqua. Saprai come si muove il processo di fermentazione in base alla quantità di zucchero presente nell’infuso. Quando vedi che il contenuto di zucchero sta diminuendo, sai che la fermentazione è a buon punto.

Misurare il peso specifico ti consentirà anche di conoscere il livello di Alcool per Volume ovvero quanto alcol la tua birra potrà potenzialmente avere. Durante la fermentazione, gli zuccheri vengono convertiti in alcol. È quindi possibile determinare la quantità di zucchero convertita in alcol in base alla quantità di gravità specifica che diminuisce ogni giorno.

Per misurare la gravità specifica, è possibile utilizzare un idrometro o un rifrattometro .

Leggi Anche  Baby Shower Significato come Organizzarlo

Gli idrometri funzionano spostando il liquido in base alla sua densità e misurando la quantità di liquido che viene spostato. I rifrattometri, da parte loro, misurano la rifrazione della luce attraverso il liquido. La misurazione viene quindi utilizzata per determinare la quantità di zucchero presente-.

Gli idrometri sono gli strumenti più semplici e meno costosi per misurare la gravità specifica. Anche se sono abbastanza facili da usare anche per i principianti, continueranno ad essere utili anche quando acquisirai più esperienza nella produzione casalinga.


Passaggio 9. metti il lievito

Il prossimo passo è mettere il lievito nel mosto.

Perché il lievito è aggiunto al mosto?

Ricorda che il mosto contiene notevoli quantità di zucchero. Quando il lievito viene aggiunto a soluzioni con un’adeguata quantità di zucchero, lo zucchero viene utilizzato come combustibile per creare ancora più lievito. Questo è ciò che produce l’alcol nella birra.

A seconda del tipo di lievito usato, verrà dato alla birra un sapore e aroma diverso.

Per la produzione di birra casalinga, ci sono essenzialmente due tipi di lievito:

  • Lievito secco – Comunemente incluso nei kit di fermentazione deve essere sciolto. Tuttavia, è necessario assicurarsi che sia a temperatura ambiente prima di metterlo nel mosto. Altrimenti, morirà quando sarà aggiunto al mosto.
  • Lievito liquido : questo richiede l’attivazione, che avviene agitando vigorosamente il contenitore. Potresti persino preparare un lievito di avviamento, che prepara il lievito per la fermentazione permettendogli di moltiplicarsi.

Nella maggior parte dei casi, potresti probabilmente usare il lievito fornito con il kit di fermentazione. Di solito è lievito di birra liofilizzata, che funziona bene per la preparazione.


Passaggio 10. Fermentazione della birra

Usa il fermentatore e lascia riposare il composto per circa 2 settimane. Durante questo periodo la birra fermenterà e la camera di equilibrio consentirà alla CO2 di uscire dal processo di fermentazione senza lasciare filtrare aria o batteri.

Quando si prepara la birra a casa, è fondamentale una temperatura normale e costante nella stanza in cui si trova il fermento. Le oscillazioni della temperatura possono rovinare il processo.

Fermentatori secondari (facoltativo) – A questo punto, potresti prendere in considerazione la fermentazione secondaria. Ciò comporta semplicemente il trasferimento della stessa dal primo recipiente di fermentazione in un altro contenitore. I fermentatori secondari sono tipicamente fatti di vetro. La birra viene lasciata qui ad invecchiare per un periodo da due giorni a diversi mesi. Esistono anche numerosi vantaggi e svantaggi:

Professionisti

  • Il metodo aggiunto si tradurrà in una birra più chiara e di aspetto migliore, con meno sedimenti che si accumulano sul fondo della bottiglia.
  • Ti aiuta anche a evitare di far sedere la birra nella vasca di fermentazione primaria, che è probabilmente fatta di plastica e probabilmente non è a tenuta d’aria. Lasciata nella nave di fermentazione primaria, la birra sarà influenzata dall’ossigeno che filtra attraverso il coperchio. Questo può avere un effetto dannoso sul sapore, poiché il processo di fermentazione primaria rallenta e si produce meno anidride carbonica.

Contro

  • Aggiunge un altro stadio in cui contaminanti e / o ossigeno possono essere introdotti nella birra. Questo può portare a sapori spiacevoli o addirittura a un sapore stantio. Questo può essere evitato garantendo la pulizia e l’igiene, ma ovviamente aggiungerà ulteriore lavoro al processo.

 

Inoltre, non vuoi che la tua birra rimanga nella vasca di fermentazione primaria troppo a lungo, a causa del lievito che si accumula invariabilmente sul fondo. Come lo zucchero nel mosto è esaurito, il lievito rimanente utilizzerà cellule di lievito morto come fonte di cibo alternativa.

Ciò li indurrà ad entrare in un processo noto come “autolisi”, che di nuovo si traduce in aromi spiacevoli piuttosto che l’anidride carbonica e l’etanolo necessari per il processo di produzione della birra.

Non tutte le birre richiedono una fermentazione secondaria. Se non si pianifica di bere la birra o di conservarla per periodi prolungati, è possibile lasciarla quasi nella vasca di fermentazione primaria fino a quando non si è pronti per la bottiglia.

Se non si desidera affrontare gli effetti di avere la vostra birra sedersi in sedimenti di lievito per un lungo periodo di tempo, è possibile acquistare fermentatori di birra che sono progettati per contenere il lievito in una piccola area sul fondo della nave. Questo facilita la rimozione del lievito, così puoi mantenere la tua birra pulita e fresca.


Passaggio 11. Leggi la gravità specifica della birra

Dovrai misurare la gravità specifica della tua birra ancora una volta . Ciò consentirà di determinare la quantità di zucchero rimasta dopo la fermentazione. Questo a sua volta ti fa sapere il suo contenuto di alcol.

La birra che ha un basso peso finale tende ad avere un sapore secco o fresco. Al contrario, il prodotto con un peso finale elevato tende ad avere un sapore dolce o maltato.


Passaggio 12. Carbonatazione o priming

Dopo che il metodo di fermentazione di 2 settimane è completo, si ha birra vera, anche se non “birra” come la maggior parte dei moderni bevitori sano.

Per produrla al meglio, dovrai carbonare la tua birra. E per farlo dovrai aggiungere degli zuccheri gassati e lasciarla riposare per un’altra settimana.Aggiungere gli zuccheri gassosi del kit Mescolare bene e versa nel bollitore  che abbiamo usato in precedenza. Sifoni la birra dal fermentatore nel bollitore e mescola con gli zuccheri di mais.


Step 13. Imbottigliamento

 

Una volta che la birra ha fermentato per il tempo richiesto dalla tua ricetta, è tempo di imbottigliare.

Il racking consiste essenzialmente nel trasferire la birra da un luogo di fermentazione a un altro, limitando nel contempo la sua esposizione all’ossigeno. Ciò condizionerà l’infuso e consentirà la formazione di bolle di anidride carbonica, rendendola più simile alla birra disponibile in commercio.

Ci sono due opzioni per il travaso della birra:

  1. infustamento
  2. Imbottigliamento.

Ognuno di questi ha i suoi vantaggi e svantaggi e la tua scelta dipende in gran parte dal risultato desiderato.

Add Comment