Muffa e Condensa in Casa come Eliminarla

Generalmente pensiamo sempre che la nostra casa sia sempre un luogo sicuro e salubre, spesso però non è così. In casa passiamo tanto del nostro tempo in locali in cui l’aria non circola bene ma ristagna producendo una serie di problematiche che fanno proliferare batteri, umidità e quindi muffe. Buona parte dei nostri malesseri è causato proprio dalla mancanza di salubrità degli ambienti in cui viviamo o lavoriamo.

Grazie a Prana e ai suoi prodotti riusciremo a risolvere queste problematiche. La condensa alle finestre è una vera e propria piaga che ci attanaglia soprattutto nei mesi invernali ed è causata dal cattivo ricircolo dell’aria. Cominciamo a prendere provvedimenti quando purtroppo il fenomeno si è già presentato. Cerchiamo di capire prima di tutto però cos’è la condensa alle finestre e come si forma.

La condensa alle finestre è un fenomeno naturale che nasce dall’evaporazione di acqua presente nell’aria; a causa della saturazione del vapore acqueo che, raggiunta una certa temperatura, fa aumentare il volume dell’aria, trasformando lo stesso vapore acqueo in goccioline che si fermano soprattutto sui vetri e finestre.

Quindi a contatto con le superficie fredde si attiva il fenomeno della condensazione che si manifesta sotto forma di gocce d’acqua e di aloni di vapore che oltre a “bagnare” vetri e finestre creano umidità su tutte le parti della stanza. Per questo il fenomeno non va sottovalutato poiché l’acqua così prodotta finisce per arrecare danno a muri e pavimenti.

La condensa alle finestre si crea soprattutto nelle cucine, nei bagni o nei locali adibiti all’asciugatura degli abiti. Oltre ai danni su muri e finestre la condensa alle finestre produce un tasso di umidità così elevato che provoca la proliferazione di muffe e funghi lungo le pareti delle nostre case. Muffe e funghi, si sa, fanno malissimo alla nostra salute, soprattutto alle vie respiratorie con raffreddori, tosse, allergie, emicranie e perfino gravi problemi reumatici.

Diciamo quindi che la prima regola da eseguire in questi casi è arieggiare sempre gli ambienti ed eliminare la condensa con un panno. Purtroppo spesso non sempre si riesce a risolvere il problema con questo escamotage.

Leggi Anche  Ventilatori a Colonnina I Migliori Modelli

Per questo Prana24 ci fornisce il migliore rimedio per evitare la condensa alle finestre: un sistema di ventilazione meccanica efficace. Scambiatori d’aria e risolvi!
Prana è una delle più specializzate aziende che si occupano della depurazione dell’aria. Da oltre 15 anni è stata l’azienda stessa che ha ideato e realizzato una vasta gamma di prodotti volti a soddisfare le esigenze di ventilazione e areazione degli ambienti con minimo impatto ambientale ed elevato risparmio energetico.
Proprio al fine di ovviare alla condensa delle finestre Prana produce i sistemi di ventilazione con scambiatore di calore che non si limitano ad eliminare la muffa esistente, ma ne prevengono alla base la ricomparsa.

La muffa si manifesta soprattutto in ambienti umidi come il bagno, la cucina (che produce vapore) e comunque tutti quegli ambienti dove non c’è ricircolo d’aria perché la muffa è un vero e proprio fungo particolarmente invasivo che nasce e si attecchisce in maniera subdola.
Pertanto va eliminata con dei rimedi che si trovano in commercio come appositi detergenti o vernici appositamente progettati contro la muffa e le sue spore. Spesso però non basta! Questi rimedi si rivelano inefficaci a distanza di tempo se non si elimina la causa.

La presenza di muffa è quindi un chiaro segnale che l’ambiente dove viviamo non è sufficientemente areato e i sistemi tradizionali adottati contro la muffa come appunto l’apertura delle finestre o come abbiamo visto prima l’uso di detergenti non è abbastanza.

È necessario, dunque, agire alla radice, adottando una soluzione contro la muffa che sia definitiva. La ventilazione meccanica controllata in remoto di Prana
Quello che serve per combattere con efficacia e vincere la sfida contro la muffa è un valido sistema di ventilazione controllata con scambiatore di calore PRANA.
Questo particolare tecnologia consente di ottenere ottimi risultati, in termini di depurazione dell’aria e di efficienza energetica, creando attraverso un ricircolo continuo e misurato della stessa, un microclima salubre e confortevole.

Leggi Anche  Scale da Interni Quale scegliere

Vediamo quali sono i sistemi di ventilazione controllata con scambiatore di calore:

  • Recuperatore Prana 150: il più adatto alle abitazioni residenziali, costruito in rame (materiale che consente un ottimo recupero termico nonché la salubre conservazione dell’aria). Il recuperatore Prana 150 è piccolo e compatto e consente, con un solo sistema, di far circolare due flussi d’aria, sia in entrata che in uscita e può essere installato sia su parete che su vetro. Il recuperatore Prana 150 è, inoltre, dotato della funzione di mini riscaldamento che a temperature estreme, impedisce la formazione di ghiaccio sulla ventola esterna, arrivando a resistere a temperature fino a -30°C; in più è di semplice installazione poiché è sufficiente praticare un foro nel muro.
  • recuperatore Prana 200: è adatto soprattutto per i locali residenziali, commerciali ed edifici pubblici. È sempre uno scambiatore di calore in rame e quindi un ottimo antisettico naturale. Ha sempre due flussi d’aria, in entrata e in uscita, che non entrano in contatto e in regime di mini riscaldamento. Ha un nuovo design con griglie di aerazione e protezione da polvere, pollini e pioggia.
  • recuperatore Prana 250: è uno scambiatore di calore in rame che garantisce un recupero termico ottimale e la conservazione della composizione dell’aria pura, senza microbi e batteri, adatto per ambienti residenziali, edifici settore agricolo, complessi sportivi, fabbriche, centri commerciali e piscine. È progettato per essere collegato ai condotti di ventilazione immissione ed estrazione.
  • recuperatore Prana 340: è sempre uno scambiatore di calore in rame ma questo sistema rispetto agli altri può essere inserito nel muro e la gestione del sistema avviene attraverso uno o due dimmer (interruttore reostato).

Add Comment