Samsung Galaxy Buds Recensione

Apple ha le cuffie senza fili AirPod per iPhone, e ora Samsung ha deciso di fare la stessa cosa per i suoi smartphone, una vera cuffia wireless realizzata appositamente per la sua linea Galaxy. Le Galaxy Bud sono cuffiette che offrono molte delle stesse funzionalità della maggior parte degli altri auricolari wireless: custodia per ricaricarle, controlli integrati, ottima qualità audio, facile accesso agli assistenti virtuali e altro ancora.

C’è però un avvertimento importante: a meno che tu non possieda uno dei più recenti telefoni Galaxy di Samsung o un dispositivo Android, le funzionalità chiave delle Galaxy Bud non saranno disponibili.

Pro
  • Connettività affidabile
  • Batteria a lunga durata
  • PowerShare ricarica con la linea S10
Contro
  • Qualità audio media
  • Controlli tattili un po’ difficili da usare
  • Il controllo del volume richiede di sacrificare altre funzionalità
  • Qualità del microfono deludente per le chiamate

Recensione

A differenza dei precedenti auricolari wireless di Samsung, le Galaxy Buds sono fatte su misura per i nuovi smartphone. Per utilizzare le funzioni chiave come il controllo del volume, devi sacrificare altri strumenti , e anche in questo caso i controlli touch sono un po’ difficili da gestire. Si tratta di un’opzione valida per i possessori di telefoni Galaxy, ma se si prevede di utilizzarli principalmente con un altro dispositivo, ci sono opzioni migliori e più affidabili.

Samsung non è nuova per la produzione di cuffie wireless. L’azienda coreana ha già realizzato alcuni modelli, tra cui due versioni della sua linea IconX , ma le Galaxy Buds sono notevolmente più piccole. Le dimensioni più compatte fanno sì che queste non sporgano affatto dalle orecchie e, in tal caso, saranno molto meno di Jabra Elite 65t , Sennheiser Momentum True Wireless e altri tipi. Le dimensioni più piccole significano anche un maggiore comfort, in parte dovuto al fatto che non pendono dal tuo orecchio. Ma anche perché sono più leggere delle altre.

Auricolari più piccoli significa anche un case più piccolo. Quello incluso con i Galaxy Buds occupa meno spazio di gran parte della concorrenza. Potrebbe non sembrare un grosso problema, ma la differenza è evidente quando le porti nella tasca dei jeans.

Ci sono indicatori di carica sia all’interno del case che all’esterno che mostrano lo stato della batteria. Una luce verde indica che sono completamente cariche o che il livello della batteria è pari o superiore al 60 percento, il giallo è compreso tra il 30 e il 60 percento e il rosso indica che sono cariche meno del 30 percento.

Quando apri la custodia delle Galaxy Buds per la prima volta con un Galaxy S10 nelle vicinanze, vedrai un messaggio pop-up sul telefono, che ti chiede se ti vuoi connettere. È simile a ciò che gli utenti di iPhone incontrano con AirPods o qualsiasi cuffia Beats dotata di W1 . Tuttavia, con iOS, il processo è molto più veloce. Con Galaxy Buds e S10 +, ci sono voluti circa 10-15 secondi dal momento in cui si apre il case fino a quando si vede la notifica sullo schermo.

Leggi Anche  Registratore Audiocassette Quale Comprare i Modelli in Produzione

Su un S9 +, ho dovuto eseguire l’installazione interamente tramite l’app Wearable Galaxy. Una volta fatto, ho visto gli stessi pop-up per collegare i Galaxy Buds quando ho aperto la custodia, proprio come ho fatto con l’S10 +. Non ho mai visto il prompt “trovato nelle vicinanze” che ti guida attraverso la connessione iniziale come ho fatto su S10 + fino a quando non ho ordinato le cose all’interno dell’app. Ho anche notato che questi messaggi apparivano molto più veloci su S9 + che sul telefono più nuovo, spuntando costantemente in meno di cinque secondi.

L’app Galaxy Wearable mostra i livelli della batteria, le preimpostazioni EQ, l’opzione per personalizzare la funzione “premi e tieni” e lo strumento “Trova i miei auricolari”. Per quanto riguarda i tweeter EQ, ci sono solo una manciata di opzioni: Bass Boost, Soft, Dynamic (predefinito), Clear e Treble Boost. (Puoi anche disattivare completamente la funzione.)

123,00€
124,33
disponibile
13 nuovo da 112,99€
16 usato da 85,99€
al Ottobre 17, 2019 12:12 pm
Amazon.it
Spedizione gratuita
153,00€
169,99
disponibile
6 nuovo da 144,90€
39 usato da 119,95€
al Ottobre 17, 2019 12:12 pm
Amazon.it
Spedizione gratuita
261,87€
299,00
disponibile
4 nuovo da 258,00€
2 usato da 199,99€
al Ottobre 17, 2019 12:12 pm
Amazon.it
Spedizione gratuita
299,00€
disponibile
7 nuovo da 299,00€
4 usato da 172,67€
al Ottobre 17, 2019 12:12 pm
Amazon.it
Spedizione gratuita

Hai alcune opzioni tra cui scegliere e puoi impostare diverse opzioni per ciascun auricolare. Comando vocale, suono ambientale rapido (modalità trasparenza) e controlli del volume sono le scelte che puoi fare. Ho scoperto che l’accesso a Bixby o all’Assistente Google su un lato e il rapido strumento audio ambientale sull’altro era il più utile. Tuttavia, ciò significava che non avevo il controllo del volume .

Leggi Anche  Giradischi Vinile Quale Comprare per Il suono Migliore

Un singolo tocco sull’ auricolare riprodurrà / interromperà qualsiasi cosa tu stia ascoltando, il doppio tocco riproduce il brano successivo o risponde / termina una chiamata e un tocco triplo riproduce il brano precedente. I primi due funzionano in modo affidabile, ma il terzo – il triplo tocco – è un po’ difficile da gestire.

Qualità Audio

Con la consociata Samsung AKG che gestisce l’audio sui Galaxy Buds, speravo che la qualità del suono sarebbe stata almeno sopra la media. E per la maggior parte, lo è. Confrontandole con cuffie della stessa fascia di prezzo risultano essere superiori. Alti, medi e bassi sono molto buoni.

Insomma la qualità audio è solida, ma non il top . Per quanto mi riguarda, i migliori auricolari wireless sono ancora il Momentum True Wireless di Sennheiser, e al secondo poso le MW07 di Master & Dynamic . Tuttavia, entrambi costano più del doppio delle Galaxy Buds. Con quello considerato, immagino che la maggior parte delle persone opterebbe per “buono” o “il migliore” se ciò significa risparmiare circa $ 170 e ottenere alcune funzionalità specifiche per dispositivi e Android.

Samsung insiste sul fatto che le Galaxy Buds sono fatte per parlare tanto quanto lo sono per l’ascolto. Grazie ai cosiddetti “microfoni dual adaptive“, uno all’interno e uno all’esterno di ciascun auricolare, la casa coreana afferma che la persona all’altra estremità delle tue chiamate ti sentirà più chiaramente. Questo perché gli auricolari possono riprendere l’ambiente circostante e passare automaticamente tra i due set di microfoni per ridurre il rumore di fondo per chiunque stia parlando.

Non sempre è cosi’. Ho trovato che la qualità audio qui è effettivamente peggiore di quella che ottengo su Jabra Elite 65t – basata su campioni audio registrati. 

Samsung dice che puoi aspettarti fino a sei ore di utilizzo con una ricarica, in realtà è un po’ di meno.  C’è anche una funzione di ricarica rapida che ti offre fino a 1,5 ore di ascolto in 15 minuti di carica.

Se stai abbinando i Galaxy Buds con un S10 o S10 +, avrai la possibilità di ricaricare gli auricolari  con la funzione PowerShare dei telefoni .

Insomma delle ottime cuffie ad un prezzo non basso, ma economiche rispetto ai modelli da 200-300 euro, che ovviamente sono superiori.

Add Comment