Saturimetro perchè è importante Sapere la saturazione ossigeno del Sangue

Il Saturimetro o Pulsiossimetro un piccolo apparecchio che misura i livelli di saturazione di ossigeno nel sangue (SpO2) e la frequenza del polso. In poche parole, misura rapidamente la quantità di ossigeno presente nel sangue e l’efficienza con cui viene trasportato nelle estremità più lontane del corpo, comprese le braccia e le gambe.

Il Saturimetro , chiamato anche Ossimetro, non è invasivo, il che significa che non introduce alcuno strumento nel corpo. Si utilizza solo un piccolo dispositivo a clip chiamato sensore pulsossimetro,  che è attaccato a una parte del corpo, di solito sull’ estremità del dito o un lobo dell’orecchio. I saturimetri variano in dimensioni e forma e possono essere acquistati anche online.

La procedura viene spesso utilizzata in ambito di terapia intensiva e negli studi medici a causa della sua portabilità ed efficienza.

saturimetro

Come funziona

Il Saturimetro fa uso di un foto sensore a raggi infrarossi per la lettura. Quando un pulsossimetro viene applicato sul dito (si infila dentro l’apparecchietto), un lato viene illuminato dagli infrarossi. Questi raggi passano attraverso una porzione relativamente trasparente della pelle, di solito dove c’è un buon flusso sanguigno, mentre l’altro lato riceve quella luce.

Il principio di questa tecnologia è che l’emoglobina ossigenata può assorbire una quantità maggiore di luce infrarossa, consentendo il passaggio di più luce rossa. D’altra parte, l’emoglobina deossigenata assorbe più luce rossa, consentendo il passaggio di più luce infrarossa.

17,99€
21,99
disponibile
1 nuovo da 17,99€
al Dicembre 8, 2019 3:32 am
Amazon.it
Spedizione gratuita
20,99€
35,99
disponibile
3 nuovo da 20,99€
al Dicembre 8, 2019 3:32 am
Amazon.it
Spedizione gratuita
21,99€
disponibile
1 nuovo da 21,99€
al Dicembre 8, 2019 3:32 am
Amazon.it
Spedizione gratuita
22,50€
disponibile
10 nuovo da 22,50€
al Dicembre 8, 2019 3:32 am
Amazon.it
Spedizione gratuita
24,30€
28,00
disponibile
1 nuovo da 24,30€
al Dicembre 8, 2019 3:32 am
Amazon.it
Spedizione gratuita

In poche parole, il rapporto tra luce rossa e infrarossa trasmessa attraverso il sangue fornisce la misurazione della saturazione di ossigeno. Inizialmente, il dispositivo riassume l’intensità di entrambe le luci per rappresentare entrambe le frazioni di sangue ossigenato e deossigenato. Quindi, il dispositivo rileva l’impulso e sottrae l’intensità del colore rilevata se l’impulso è assente.

L’intensità rimanente dovrebbe rappresentare il sangue con ossigeno, che viene quindi visualizzato come percentuale di saturazione di ossigeno sullo schermo elettronico del pulsossimetro. Bastano 10 secondi per avere la lettura dei livelli di saturazione di ossigeno nel sangue.

Leggi Anche  Come invecchiare bene i Consigli

 

 

A cosa serve il saturimetro

Le persone hanno bisogno dell’ossigeno non solo per respirare ma anche per sopravvivere. Quando c’è poco ossigeno nel corpo, le nostre cellule inizieranno a deteriorarsi, portando alla morte organi come cuore, cervello, polmoni.

In poche parole, l’ossigeno viene trasportato dal sangue in diverse parti del corpo una volta filtrato attraverso i polmoni. L’ossigeno viene quindi trasportato nelle singole cellule attraverso un pigmento chiamato emoglobina presente nei globuli rossi.

CLICCA QUI PER ACQUISTARE UN SATURIMETRO DA DITO IN OFFERTA

 

Lo scopo della pulsossimetria è misurare la quantità di ossigeno presente in queste proteine ​​dell’emoglobina, indicando la propria saturazione di ossigeno. I livelli normali (periferici) di saturazione dell’ossigeno scendono tra il 95 e il 100 percento Una lettura inferiore al 90 percento è già considerata un’emergenza clinica.

Esistono vari fattori che consigliano l’uso della pulsossimetria . Oltre ad essere utilizzato nei controlli di routine, i saturimetri sono utilizzati principalmente in soggetti che presentano particolari condizioni patologiche che possono influenzare i livelli di saturazione di ossigeno, come:

  • precedente arresto cardiaco
  • Asma o qualsiasi tipo di malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO)
  • Sindrome da distress respiratorio acuto
  • Intubazione endotracheale
  • Apnea notturna
  • Qualsiasi altro disturbo respiratorio

Sia i pazienti che gli operatori sanitari possono utilizzare la pulsossimetria in ambito clinico, ad esempio:

  • Fornire feedback sull’efficacia degli interventi e delle terapie respiratorie (ad es. L’uso di ventilatori)
  • Valutare se un’attività fisica è sicura in pazienti con problemi respiratori o cardiovascolari
  • Monitoraggio della saturazione di ossigeno di un paziente durante uno stress test
  • Monitoraggio della saturazione di ossigeno per un particolare periodo di tempo
  • Avvisare il team sanitario a livelli di ossigeno criticamente bassi, in particolare nei neonati
  • Valutare se è necessario ossigeno supplementare
  • Tenere traccia della saturazione di ossigeno nei pazienti in anestesia generale
  • Indicazione di eventuali effetti avversi in soggetti che assumono farmaci che potrebbero causare difficoltà respiratorie o bassa saturazione di ossigeno

Che cosa misura il saturimetro

Esistono DUE valori numerici che si ottengono dai saturimetri :

  • La saturazione di ossigeno dell’emoglobina nel sangue arterioso. Il valore della saturazione di ossigeno viene dato insieme a un segnale acustico che varia in tonalità in base alla saturazione di ossigeno. Dal momento che l’ossimetro rileva la saturazione perifericamente su un dito, una punta o un orecchio, il risultato viene registrato come saturazione di ossigeno periferica, descritto come SpO2.
  • La frequenza del polso in battiti al minuto, mediamente da 5 a 20 secondi. Alcuni ossimetri visualizzano la forma d’onda o indicatore di impulso che illustra la forza dell’impulso rilevato. Questo display indica quanto sono perfusi i tessuti. La potenza del segnale diminuisce se la circolazione diventa inadeguata.
  • Un pulsossimetro misura continuamente il livello di saturazione di ossigeno di emoglobina nel sangue arterioso. Può rilevare l’ipossia molto prima del
    il fornitore di anestesia può vedere segni clinici di ipossia come la cianosi. Questa capacità fornire un allarme tempestivo ha reso il pulsossimetro essenziale per la sicurezza in
    anestesia.
Leggi Anche  Busto Scoliosi Quale usare per correggere la Postura

Perchè è importante controllare il livello di saturazione dell’ ossigeno nel sangue

In un paziente in buona salute:

  • Ogni grammo di emoglobina si combina con 1,34 ml di ossigeno. Pertanto, nel sangue con un normale concentrazione di emoglobina di 15 g / dl, 100 ml di sangue trasporta circa 20 ml di ossigeno combinato con l’emoglobina. Inoltre, una piccola quantità di ossigeno viene dissolta nel sangue.
  • Il cuore normalmente pompa circa 5000 ml di sangue al minuto ai tessuti in un adulto di peso medio. Questo fornisce circa 1000 ml di ossigeno ai tessuti al minuto.
  • Le cellule nei tessuti estraggono ossigeno dal sangue per il metabolismo, normalmente circa 250 ml di ossigeno al minuto. Ciò significa che se non viene scambiato ossigeno nel polmone, lo è solo abbastanza ossigeno immagazzinato nel sangue per circa 3 minuti (solo il 75% dell’ossigeno trasportato dall’ l’emoglobina è disponibile per i tessuti).
  • La respirazione di ossigeno al 100% prima dell’induzione dell’anestesia (preossigenazione) aumenta l’ossigeno negozi nei polmoni. Se un paziente smette di respirare e non è ventilato, la quantità di ossigeno nel i polmoni diminuiranno rapidamente. Se al paziente è stato somministrato ossigeno al 100% per respirare per diversi
    minuti prima dell’induzione dell’anestesia, il serbatoio di ossigeno aumentato fornirà molto bisogno di ossigeno, aggiungendo minuti potenzialmente salvavita. Ci sono molte situazioni in cui questo può essere importante. Un esempio è nella madre incinta in cui l’utero allargato riduce il polmone volume e le esigenze metaboliche sono aumentate dal feto. Un altro esempio è nei giovani bambini con piccoli volumi polmonari e elevate esigenze metaboliche. Possono consumare ossigeno molto rapidamente e talvolta può essere resistente agli sforzi per preossigenarli.
    • I pazienti anemici hanno livelli più bassi di emoglobina e quindi non sono in grado di trasportare altrettanto ossigeno nel sangue. A una concentrazione di emoglobina inferiore a 6 g / dl, consegna di ossigeno al i tessuti possono diventare troppo bassi per soddisfare le esigenze metaboliche. Pazienti che soffrono di sangue maggiore la perdita durante l’intervento chirurgico e diventare fortemente anemico dovrebbe ricevere ossigeno al 100% per respirare. Questo aumenterà la quantità di ossigeno disciolto nel sangue e migliorerà il rilascio di ossigeno nei tessuti di una piccola quantità. La trasfusione di sangue può salvare la vita.

 

Add Comment