Secondo l’Associazione chirurghi plastici italiani, AICPE,  nel 2016 sono stati effettuati nel nostro paese quasi 150.000 interventi di chirurgia estetica tra cui 25.000 procedure di liposuzione, molte delle quali sono state eseguite per rimuovere la cellulite. Le procedure di rimozione della cellulite stanno crescendo in popolarità grazie al buon successo che la tecnica sta avendo.

Ma anche se potrebbe sembrare la perfetta soluzione rapida, la liposuzione, il laser o altri mezzi per rimuovere la cellulite chirurgicamente non sono una semplice procedura per passare dalla taglia 50 alla 42 in una notte. La liposuzione non è un trattamento efficace per la cellulite – la pelle a buccia d’arancio che appare sulle cosce, sui fianchi e sui glutei . E’ un’operazione per rimuovere il grasso in eccesso localizzato e non combatte di conseguenza l’obesità. Niente può sostituire un’alimentazione sana e un allenamento efficace . Proprio come con altri segni dell’invecchiamento, la cellulite viene gestita al meglio concentrandosi innanzitutto sulla perdita di peso a lungo termine e sulla salute della pelle in generale.

Quindi se volete bruciare in maniera idonea il grasso in eccesso dovete prima contattare un dietologo, andare da un dermatologo e capire quale è la fonte del problema.

cellulite prima e dopo

Come affermato in uno studio del 2006 pubblicato sull’International Journal of Cosmetic Science, ridurre l’adipogenesi (ovvero l’ accumulo di grasso) e aumentare la termogenesi (bruciare i grassi attraverso il calore corporeo) sembrano essere le vie principali per ottenere una riduzione di massa corporea, di conseguenza si migliora anche la microcircolazione e la produzione del collagene, responsabile dell’ elasticità della pelle.

 

Cos’è la cellulite?

La cellulite è la comparsa di una “pelle a buccia d’arancio” grumosa o con fossette, che si sviluppa prevalentemente con l’età sulle gambe, sui glutei, sullo stomaco e nella parte posteriore delle braccia. E’ il risultato spesso del ristagno linfatico dovuto a ritenzione idrica. La linfa, soprattutto degli arti inferiori, che dovrebbe risalire verso la parte alto, si ferma e ristagna dando vita alla pelle con fossette, ovvero alla panniculopatia, gergo con sui si definisce la cellulite.  Alcuni dei fattori che contribuiscono a questa condizione sono la mancanza di esercizio fisico, una vita sedentaria, ma soprattutto una predisposizione genetica e i cambiamenti ormonali .

Non dobbiamo confondere la cellulite con le smagliature. In quest’ultimo caso parliamo delle “striature” rosa, bianche o rosse che rappresentano una vera e propria lacerazione cutanea.

La ragione per cui , soprattutto le donne, sviluppano la cellulite non è dunque chiara, possiamo parlare di diversi fattori che concorrono.  Ne possono soffrire anche adolescenti o comunque donne giovanissime, è chiaro che con il passare dell’ età la pelle perde la sua elasticità, elastina e collagene diminuiscono.

La cellulite non è grave o dannosa, ma è sicuramente brutta da vedere e può svilupparsi a circostanze particolari di vita come l’aumento o la perdita perdita di peso repentina, la gravidanza, in seguito ad assunzioni di particolari tipi di farmaci, ad esempio la pillola contraccettiva.

Le principali cause della cellulite

Ricapitolando diversi fattori primari contribuiscono allo sviluppo della cellulite, tra cui:

  • dieta squilibrata
  • sedentarietà
  • assunzione di farmaci
  • squilibrio ormonale
  • gravidanza
  • predisposizione genetica
  • ritenzione idrica e problemi circolatori

Alcuni altri fattori che possono causare cambiamenti cutanei come smagliature, cedevolezza, rughe e formazione di macchie scure. Le cause: squilibri ormonali , elevate quantità di stress, condizioni mediche esistenti come malattie autoimmuni o diabete, genetica, cattiva alimentazione, allergie, fumo, troppo esposizione al sole e altre cause di tossicità.

Mentre la connessione tra lo stress e lo sviluppo della cellulite può sembrare inverosimile, anche s studi hanno dimostrato che tutti i fattori sopra citati aumentano l’infiammazione e contribuiscono ai segni dell’invecchiamento cutaneo. Insomma per la cura della pelle in generale il fumo, lo stress , una dieta povera e l’inquinamento non fanno di certo bene, ma non c’entrano molto con la cellulite.

Secondo una ricerca del Journal of European Academy of Dermatology, la cellulite può essere causata da un aumento dei livelli di catecolamine (l’aumento è associato allo stress) dei livelli di cortisolo elevati . Cose come lo stress e una cattiva alimentazione causano un rallentamento nella produzione di collagene, che è fondamentale per mantenere la pelle giovane.

In questo contesto già così complesso e variegato, spesso ci mettono lo zampino anche i problemi di postura o il difettoso appoggio del piede (da
correggere con le prescrizioni di un ortopedico o posturologo), che inducono un accumulo della cellulite soprattutto su cosce e glutei, e sulle ginocchia
nel caso del valgismo (gambe a X). E sempre riguardo alla distribuzione dei cuscinetti, incide anche la costituzione osteo-muscolare e adiposa, quella che determina, tra le altre, le tipiche forme a mela, pera e clessidra, perché facilita l’insediarsi della cellulite e dell’adipe, oltre che nelle cosce, anche su altre zone del corpo, per esempio nelle braccia o nella pancia. Ne consegue che, per moltiplicare l’efficacia delle cure anticellulite, vale la pena mirarle anche alla forma del tuo corpo.

Come una dieta equilibrata può aiutare a ridurre la cellulite

sgombriamo il primo dubbio: la formazione di cellulite NON E’COLLEGATA ad una dieta o alimentazione scorretta, non è quanto meno la conseguenza. Può comparire anche in persone normopeso o di costituzione magra.

Dovremmo evitare di mangiare cibi ultra processati , poiché questi sono ricchi di grassi di bassa qualità – trans e saturi –, oltre come zuccheri semplici e sodio. Per questo motivo si consiglia di evitare il consumo di alimenti come pasticcini, dolci, salse lavorate, insaccati, piatti cucinati, gelati, bibite e succhi confezionati.

Una dieta equilibrata che include frutta, verdura, proteine magre e carboidrati complessi può aiutare a ridurre la cellulite. Eliminando cibi grassi e zuccheri in eccesso dalla propria dieta, si può ridurre il grasso corporeo e migliorare la circolazione, che a sua volta può aiutare a ridurre l’aspetto della cellulite.

In generale è importante evitare cibi ad alto contenuto calorico, grassi e zuccheri in eccesso, preferendo invece cibi ricchi di nutrienti essenziali come vitamine, minerali e fibre. Una dieta equilibrata aiuta a mantenere un peso sano e a migliorare il tono muscolare, che può aiutare a ridurre la cellulite.

Infine,è da sottolineare l’importante ruolo che l’ idratazione e lo sport giocano nella prevenzione e nel miglioramento della cellulite. Una corretta idratazione con un regolare apporto di acqua è importante per mantenere la pelle idratata.

cellulite-ginocchia-prima-dopo
cellulite-ginocchia-prima-dopo

Cellulite trattamenti

una soluzione alla portata di tutti è sicuramente rappresentata dalle crema anticellulite. Alcune sono dei paliativi molto blandi, altre sono un po’ più invasive come Iodase e Somatoline che contengono la levotiroxina che influisce sul funzionamento della tiroide. I trattamenti SOMATOLINE SI TROVANO IN OFFERTA ONLINE, da provare ad ogni modo in maniera limitata senza esagerare.

 

Chi soffre di ipertiroidismo ad esempio potrebbe avere problemi nell’ assunzione, seppur topica. Ci sono poi fanghi fatti con le alghe marine (quelle di Guam ad esempio), massaggi linfodrenanti e massaggi che aiutano a migliorare il microcircolo e ridurre la ritenzione idrica.

Fanghi d'Alga 1 kg AntiCellulite
50,30€
disponibile
5 nuovo da 50,30€
al Marzo 18, 2020 3:46 pm
Amazon.it
Fanghi d'Alga GUAM FIR CONVENIENZA 1kg + Crema Gel 200ml
66,15€
disponibile
6 nuovo da 65,90€
al Marzo 18, 2020 3:46 pm
Amazon.it

Come togliere la cellulite senza chirurgia?

Le scarpe basculanti aiutano a rendere tonici i glutei perchè stimolano il lavoro di parti del corpo che con le normali suole delle scarpe non vengono attivati.

Radiofrequenza estetica

La radiofrequenza estetica può aiutare molto e fa uso delle onde radio per generare calore termico che aiuta la produzione di fibroblasti.

Tipi di radiofrequenza 

  • Monopolare si riferisce a un singolo elettrodo. Osservando il metodo di erogazione della radiofrequenza, la corrente erogata dalle macchine fluisce nel corpo e incontra la massima resistenza nella zona intorno al manipolo dove avviene il riscaldamento del tessuto negli strati sottocutanei. Affinché ciò sia efficace e sicuro, viene utilizzato un cuscinetto di messa a terra che viene fissato alla schiena o all’addome inferiore del paziente per fornire un percorso a bassa resistenza affinché la corrente ritorni alla macchina, completando così il circuito elettrico. I trattamenti monopolari erogano le correnti RF attraverso gli strati più profondi della pelle (fino a 20 mm sotto la superficie della pelle).
  • Biopolare si riferisce a due elettrodi. Osservando questo sistema di erogazione, la corrente proveniente dalla macchina scorre solo attraverso il tessuto intrappolato tra i due elettrodi sul manipolo. Questo è l’inizio e la fine del circuito elettrico. Nessuna corrente scorre attraverso il resto del corpo, quindi non è necessaria alcuna piastra di messa a terra. I trattamenti bipolari riscaldano il tessuto cutaneo solo a una profondità di 2-4 mm.
  • Multipolare Si riferisce a più di due elettrodi. Più polari/elettrodi ha il manipolo, più profondamente e più ampiamente può penetrare la RF. La corrente scorre tra gli elettrodi e il tessuto intrappolato tra di loro allo stesso modo del bipolare, quindi non è necessario alcun pad di messa a terra.

In tutti i casi di tipi di erogazione a radiofrequenza, è la resistenza al flusso di corrente nel tessuto, non l’elettrodo, a generare l’effetto di riscaldamento. Il trattamento funziona in due modi

  • Contrazione del derma con conseguente riduzione delle rughe
  • Stimolazione dell’aumento del collagene, dell’elastina e della circolazione sanguigna, ovvero il ringiovanimento della pelle

Chirurgia estetica contro la cellulite e altri rimedi invasivi

La cavitazione estetica è un procedimento abbastanza invasivo, ci riferiamo alla cavitazione medica che usa delle frequenze molto potenti per scogliere gli adipociti. Può essere effettuata solo da un medico e non da un estetista. I risultati sono buoni ma non dobbiamo prenderla alla leggera

Così come non dobbiamo prendere sottomano le terapie sclerosanti e la mesoterapia che consiste nel iniettare soluzioni che bruciano i grassi agendo dall’ interno. Ad ogni modo consultare un medico prima di qualsiasi trattamento è quanto mai d’obbligo.
Potrebbe interessarti

Ci sono alcune procedure chirurgiche contro la cellulite che utilizzano il bisturi con tecniche di subcisione . In altri casi si utilizza un ago o una microlama per tagliare i setti fibrosi oppure una cannula speciale; aree più grandi possono essere trattate rispetto alla subcisione. L’innesto di grasso viene utilizzato per correggere le depressioni e migliorare la qualità della pelle, che sono ulteriori vantaggi rispetto alla subcisione tradizionale. Considerando i molteplici trattamenti anticellulite disponibili e le loro limitazioni esiste un elevato tasso di soddisfazione del paziente con un basso tasso di recidive e complicanze, questa tecnica può essere un’opzione sicura ed efficace per i pazienti con cellulite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7  +  1  =